1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Radio Montecatone Web
 
Radio Montecatone Web Ascolta RMW
Contenuto della pagina

Albatros - dal 9/06 al 15/06

 
logo di radio montecatone

Notizie sulla disabilità... e non solo.

Ogni settimana, un riepilogo delle ultime novità.

 

1° Puntata.
In onda dal 9 al 15 giugno



 

Le notizie di questa puntata:

 

Si è svolta sabato 24 maggio, a Bologna, la quinta edizione della “skarrozzata”, una passeggiata per provare la disabilità.
I partecipanti all’iniziativa, oltre un centinaio di persone, hanno avuto l’opportunità di percorrere alcune strade del centro di Bologna utilizzando le carrozzine fornite dall’organizzazione, sperimentando così alcuni dei problemi vissuti ogni giorno dalle persone con disabilità.
L’evento, che quest’anno era previsto come evento collaterale di Exposanità, è stato realizzato grazie all’associazione Macondo e ideato nel 2011 da Enrico Ercolani, ex paziente di Montecatone.
"La skarrozzata è un movimento assolutamente non politico e creativo per dare il messaggio che la disabilità è dappertutto, non solo nelle strutture ospedaliere ma soprattutto per strada, nelle città, nei negozi, nei ristoranti enei centri sotrici. Con questo messaggio vogliamo far uscire tutte le persone che non escono perchè hanno problemi di barriere architettoniche o ostacoli."

Uno speciale sulla skarrozzata è disponbile tra i podcast di Radio Montecatone.

14 atleti, provenienti da tutta Italia, hanno partecipato domenica domenica 1 giugno alla gara “Montecatone handbike”, svoltasi presso il circuito dell’Autodromo di Imola secondo la formula “un’ora+ 1 giro”. A raggiungere la prima posizione sono stati Flavio Billi per la classifica maschile e Monica Borelli per quella femminile.
La giornata è stata aperta dalla sfilata di atleti che ha dato inizio alla manifestazione cittadina “Sport al centro”, mentre nel pomeriggio molte persone con disabilità hanno potuto svolgere prove di guida sicura.

Da oggi basta uno smartphone per fotografare e pubblicare in temporeale una barriera architettonica su un sito internet apposito, che dà conto, inoltre, delle iniziative attuate per rimuovere la barriera e dei risultati ottenuti.
È un servizio proposto dall’Associazione Luca Coscioni, che è anche a disposizione degli utenti per segnalare le barriere alle autorità e presentare apposito ricorsi.
Il sistema – consultabile anche nel sito della stessa Associazione Coscioni – consente inoltre di monitorare i PEBA, ovvero i Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, previsti da una legge del 1986 ma attualmente inapplicati in quasi tutti i Comuni italiani.

Sedie a rotelle posteggiate nei normali parcheggi, al posto della auto: è questo l’originale flash mob denominato “occupy parcheggi”, già realizzato in diverse città sia italiane che estere. L’iniziativa, recentemente riproposta nella città di Treviso, mira a sensibilizzare le persone sulla necessità di lasciare i parcheggi per disabili a disposizione di chi ne ha veramente bisogno. Fatto non trascurabile è che il gruppo trevigiano promotore del flash mob è composto non solo da persone con disabilità, ma anche da cittadini dotati “semplicemente” di senso civico e sensibilità.

Ha fatto il suo “esordio internazionale” a Bruxelles, presso il Comitato Economico e Sociale Europeo, il Piano d’Azione sulla Cooperazione allo Sviluppo e la Disabilità. Il testo sancisce l’ingresso del principio dell’inclusione della disabilità in ogni fase di ideazione delle politiche e delle pratiche di sviluppo, contemplando azioni di promozione delle pari opportunità e soffermandosi in particolare sulle strategie generali, sulla progettazione inclusiva, sull’accessibilità e la fruibilità di ambienti, sui beni e i servizi, sugli aiuti umanitari e le situazioni di emergenza, sulla valorizzazione delle esperienze e delle competenze presenti nella società civile e nelle imprese.
Il documento è stato redatto dai tecnici del Ministero degli Affari Esteri, in collaborazione con la RIDS – la Rete Italiana Disabilità e Sviluppo, voluta nel 2011 dall’AIFO, DPI Italia, EducAid e FISH.