1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto di Montecatone Ospedale di Riabilitazione
Istituto di Montecatone Ospedale di Riabilitazione
Contenuto della pagina

Chi siamo

 

L'Ospedale di Montecatone è gestito da una Società per azioni con capitale interamente pubblico i cui soci sono l’Azienda Usl di Imola e il Comune di Imola; la Società è guidata da un Consiglio di Amministrazione con funzioni di indirizzo e controllo, composto da 3 membri e nominato dall'Assemblea dei Soci (Ausl di Imola e Comune di Imola). Il nuovo Consiglio è stato nominato il 18 luglio 2017.

Dal 2010 l’Ospedale di Montecatone è accreditato dalla Regione Emilia Romagna per 150 posti letto di degenza ordinaria e per 8 posti letto in Day Hospital.

L’Ospedale si compone di 5 Unità Operative:
Area Critica
Unità Spinale
Unità Gravi Cerebrolesioni acquisite
Riabilitazione Gastroenterologica e Medicina Interna / Day Hospital e Ambulatori
Unità Degenze Specialistiche
Montecatone si avvale inoltre di una serie di servizi e percorsi specialistici integrativi del programma di riabilitazione globale; si avvale inoltre di svariate convenzioni con strutture sanitarie del Sistema Sanitario Regionale per offrire le più alte competenze nell’ambito di specialità diagnostiche e chirurgiche.

L’approccio riabilitativo a Montecatone ha un carattere multidisciplinare
e non si ferma all’intervento strettamente clinico: molte persone, successivamente alla malattia o all’incidente che li hanno portati a Montecatone, convivranno con una disabilità pertanto è importante accompagnarle nella ri-appropriazione del migliore livello di autonomia possibile nella nuova condizione, sostenere adeguatamente la ricostruzione delle loro vite, mantenendone in vita la speranza, l’indipendenza e la dignità, sostenendo la loro piena inclusione in tutti gli aspetti della vita sociale. Il Programma trasversale “Abilitazione e Vita Indipendente” ha il fine di coordinare le risorse impegnate per dare concretezza alle disposizioni della Convenzione internazionale sui diritti delle persone con disabilità (ratificata dall’Italia con la legge 18 del 3 marzo 2009) per favorire l’adattamento alla condizione di disabilità sia da parte del paziente che del nucleo familiare e l’acquisizione di consapevolezza dei propri Diritti Umani. 

Ricerca ed Innovazione hanno per l’Istituto di Montecatone un ruolo strategico, in quanto cardini imprescindibili della cura e dell’assistenza medico-riabilitativa. 
Diversi progetti di ricerca sono attualmente attivi, alcuni di essi in cooperazione con partner Europei ed Italiani, grazie all'aggiudicazione di fondi pubblici; esiste una stretta collaborazione con l’Università di Bologna (facoltà di Ingegneria Biomedica e Centro interdipartimentale di Ricerca Industriale su Scienze della vita e Tecnologie della salute). Il Comitato Tecnico Scientifico, composto da medici ed un ingegnere biomedico di riconosciuta fama nei settori della medicina neuro-riabilitativa, che si appoggiano sull'Infrastruttura interna all'Istituto per la Ricerca e l’innovazione, coadiuva lo sviluppo e la gestione di progetti di ricerca e/o l’innovazione medica presso l’Ospedale.I professionisti dell’Ospedale sono infine coinvolti nello sviluppo di best practices e di percorsi assistenziali nel rispetto dei principi dell’Evidence Based Medicine. 

La Direzione è impegnata nel rispetto del Codice Etico della Società e della Carta dei Servizi, assicurando la partecipazione delle associazioni degli utenti alla valutazione della qualità.

Nel Bilancio di Missione la Società rappresenta alla proprietà, alla Regione Emilia Romagna, agli Enti Locali e a tutti i soggetti portatori di interesse, i risultati sugli obiettivi programmati. 

Sulla base di questi presupposti Montecatone persegue ogni opportunità di integrazione con:

  • Servizi Sociosanitari territoriali, per garantire la continuità della presa in carico dei singoli pazienti e per trasferire le competenze specialistiche utili a garantire la qualità della vita delle persone con disabilità;
  • Associazioni delle persone con lesione midollare o cerebrale, al fine di recepire e supportare i propri reciproci interessi presso le istituzioni di programmazione e di governo.
Ultima Modifica: 19/07/2017