Istituto di Montecatone Ospedale di Riabilitazione

Reading “Prove di resilienza”

 

Domenica 7 aprile, alle ore 17.00 al Teatro Lolli di Imola, in occasione della Giornata nazionale delle persone con lesione midollare l'Associazione T.I.L.T. in collaborazione con l'Istituto di Montecatone e la Fondazione Montecatone Onlus hanno organizzano un reading teatrale tratto dal progetto di medicina narrativa "L'audacia della fragilità": Dialoghi ispirati o tratti dalle storie di persone che hanno subito una lesione midollare.

Sette persone si incontrano in una sala d’aspetto. I racconti degli uni risvegliano i ricordi degli altri e la conversazione diviene presto occasione di intime rivelazioni. Si arriva a sfiorare il grande mistero della felicità. A storie vere si alternano brani letterari e poetici.

di Caterina Grandi e Giuliana Zanelli
direzione creativa e cura del progetto Caterina Grandi
con Giuseppe Bonsenso, Primo Fabbioni, Paolo, Facchini, Igino Gessi, Luciana Mantellini, Beatrice, 
Paoletti, Luca Vancini, Anna Maria Volta
tecnica Luigi Tranchini

 
 
 

Per rivedere lo spettacolo....

PROGETTO DI RICERCA

Studio clinico sperimentale, randomizzato controllato, longitudinale, monocentrico ”Studio randomizzato controllato, in doppio cieco,  sull’efficacia dell’agopuntura tradizionale verso la stimolazione cutanea aspecifica con aghi per il trattamento del dolore persistente nella persona con lesione midollare”

La gestione di questo studio pilota non-profit ha coinvolto operatori del Servizio Socio-educativo dell’Istituto di Montecatone, oltre ad alcune Esperte esterne le cui competenze si collocano sul versante della Medicina Narrativa, dell’autobiografia e della conduzione di gruppi di discussione (“Focus Group”). Questa ricerca si è proposta di individuare nelle narrazioni delle persone mielolese e dei loro caregiver gli elementi che aiutano a convivere con la disabilità e che favoriscono l’attivazione di una modalità positiva nell’affrontare le difficoltà. Si è indagato inoltre quali percorsi e informazioni in preparazione alla dimissione ospedaliera hanno favorito il reinserimento nella “vita” e quali sarebbero state invece le informazioni necessarie per migliorare i percorsi fra l’ospedale e le reti assistenziali territoriali, per rispondere ai nuovi bisogni e alle difficoltà che si presentano al rientro al domicilio. Lo studio, che ha fornito anche all’Istituto di Montecatone elementi utili per migliorare i percorsi di cura al suo interno, ha arruolato, nel corso di un anno circa, 28 persone con lesione midollare dimesse dall’Istituto da almeno 2 anni e 25 caregiver. 
E’ stato anche realizzato un Focus Group con un team di operatori di Montecatone, coinvolti nella fase di dimissione dei pazienti e di rientro nell’ambiente domestico, familiare e sociale.

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito