alternativo al flash

L'Area Critica: terapia intensiva e sub intensiva




L’Area Critica è costituita dall’Unità Operativa di Terapia Intensiva (7 posti letto) e da quella di Terapia Sub Intensiva (11 posti letto).
In questa area vengono ricoverati ed iniziano il trattamento riabilitativo pazienti mielolesi e cerebrolesi, provenienti dai Servizi di Rianimazione e dai Reparti di Neurochirurgia, ancora in fase di instabilità clinica, non autonomi per le funzioni vitali di base e che spesso necessitano di ventilazione assistita.
È un ricovero in ambiente riabilitativo altamente specialistico a breve distanza dal trauma, con una presa in carico sempre più precoce del paziente e della famiglia.

Responsabili & Referenti
Per ogni operatore è indicato l'identificativo di posta elettronica a cui va aggiunto @montecatone.com; progressivamente sarà possibile anche scaricare un breve curriculum.

Responsabile Medico: Dr. Gian Piero Belloni
e-mail: belloni

Medici Terapia Intensiva:
Dr. Maurizio Montanari, Dr.ssa Carla Mora, Dr. Michele Boccali, Dr. Riccardo Uggento, Dr.ssa Mariella Uneddu, Dr. Lippi Marco
e-mail: med_ti
Medici Terapia Sub Intensiva: Dr.ssa Micaela Battilana, Dr. Giuseppe Bonavina, Dr.ssa Franca Cinelli, Dr.ssa Chiara Quarneti, Dr.ssa Maria Lucia Scarpello, Dr. Davide Felicetti
e-mail: med_secondo_c
Coordinatore Infermieristico: Inf. Alessandra Pratella
e-mail: pratella
Coordinatore Riabilitativo: FT Silvia Ranuzzi
e-mail: ranuzzi

Assistenza medica
Per le elevate esigenze clinico-assistenziali dei pazienti degenti nell’Area Critica dell’Ospedale, il personale medico delle Unità Operative di Terapia Intensiva e Sub Intensiva è presente dal lunedì alla domenica 24 ore su 24. I posti letto sono dotati di avanzata tecnologia con sistemi di monitoraggio delle funzioni vitali, pertanto possono essere ospitati pazienti che necessitano di ventilazione assistita.

Visita Medica
Nelle Unità Operative Intensiva e Subintensiva la visita medica si svolge tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 13.

Colloqui con i Medici

  • Il Responsabile Medico dell’Area Critica riceve presso il suo studio al 1° piano nella giornata di lunedì dalle ore 12.00 alle ore 13.00, previo appuntamento con la Coordinatrice Infermieristica o l’Infermiera diurnista referente.
  • I Medici di reparto sono a disposizione per informazioni ai familiari dei degenti nella Terapia Intensiva nei seguenti orari: tutti i giorni, dalle ore 18.00 alle ore 19.00 presso lo studio medico di reparto.
  • I Medici di reparto sono a disposizione per informazioni ai familiari dei degenti Area Subintensiva nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 18.00 alle ore 19.00, presso lo studio medico di reparto
Il Trattamento Riabilitativo

In questa fase, il trattamento riabilitativo globale è mirato ad ottenere la stabilizzazione delle funzioni vitali, in modo da permettere l’attuazione del progetto riabilitativo acquisendo il miglior grado di autonomia possibile compatibilmente al livello di lesione.
L’attività riabilitativa è volta anche alla prevenzione delle complicanze e dei danni secondari, attuata attraverso mobilizzazioni attive e passive ed una accurata igiene posturale.
L’assistenza infermieristica è commisurata alle esigenze cliniche dei degenti ed affiancata dalla presenza di fisioterapisti che garantiscono, ad ogni paziente, programmi di riabilitazione motoria e respiratoria.

Visita ai degenti:

Il ricovero in Area Critica rappresenta un evento che mette a dura prova il paziente e tutto il suo nucleo familiare.
La famiglia rappresenta una risorsa per il paziente dal punto di vista psicologico, pertanto se ne ritiene indispensabile il coinvolgimento nel percorso riabilitativo sin dalle prime fasi del ricovero.

L'Area Critica rappresenta un ambiente altamente protetto rispetto all'esterno perchè le condizioni dei ricoverati sono gravi e quindi comportano l'impiego di strumenti e manovre altamente invasivi. il paziente è pertanto maggiormente suscettibile agli agenti esterni.

La presenza dei congiunti all’interno dell’Unità Operativa di Terapia Intensiva è regolata dagli orari stabiliti dalla Direzione Sanitaria, al fine di garantire sia un adeguato contatto paziente-familiare, sia un controllato contatto con possibili fonti esterne di infezioni (che potrebbero creare problematiche in pazienti con difese immunitarie alterate).
Per questo motivo la visita al paziente da parte di familiari ed amici richiede l'adozione di alcuni accorgimenti:

  • Orario di ingresso dalle ore 13.00 alle ore 19.00 (suonando il campanello prima di entrare).
  • Per ogni paziente è consentita la visita di una sola persona per volta.
  • Si accede nella stanza filtro una sola persona alla volta.
  • Prima di entrare è necessario indossare i calzari, eseguire la disinfezione accurata delle mani con un prodotto a base alcolica, poi indossare cuffia, camice e guanti.
  • Nel caso in cui il visitatore sia affetto da malattie delle vie respiratorie o da stati influenzali, l'ingresso in Area Critica NON SARA' CONSENTITO.
  • E' importante evitare di toccare le attrezzature che circondano il paziente e i dispositivi che porta.
  • È vietato avvicinarsi agli altri pazienti.
  • Non è consentito l'uso dei telefoni cellulari.
  • E' necessario evitare qualsiasi manovra sul proprio caro senza avere consultato il personale in servizio.
  • Chi è inserito in un percorso di addestramento, potrà eseguire le manovre previste solo agli orari concordati con il personale.
  • All'uscita il visitatore deve depositare il camice, la cuffia, i calzari e i guanti nell'apposito contenitore per i rifiuti che si trova nella zona filtro ed eseguire nuovamente la disinfezione delle mani con un prodotto a base alcolica.
L'accesso è comunque subordinato alle attività assistenziali in corso e per garantire il totale rispetto della privacy e agevolare lo svolgimento delle attività, i visitatori verranno invitati ad uscire in caso di necessità di interventi sui pazienti da parte degli operatori.

Nell’intento di favorire la tranquillità dei pazienti ed un lineare svolgimento delle attività clinico-riabilitative è opportuno rispettare le regole di accesso alle Unità Operative.

cc 14.2.14