Il Comitato Paralimpico Italiano, sezione Emilia-Romagna, rende noto di aver pubblicato sul proprio sito l’avviso per i corsi di avviamento allo sport dedicati ai disabili civili.


Il Comitato Italiano Paralimpico, sezione Emilia-Romagna, rende noto di aver pubblicato sul proprio sito l’avviso per i corsi di avviamento allo sport dedicati ai disabili civili.

“Nell’intento di avvicinare le persone con disabilità agli sport paralimpici – si legge – e di ampliare la base dei praticanti, il CIP Emilia-Romagna intende organizzare n.70 corsi di avviamento alle discipline paralimpiche che prevedono la partecipazione, a titolo gratuito, di persone con disabilità cognitive, fisico-motorie e sensoriali”.

Saranno prese in considerazione le domande presentate entro le ore 24:00 del 31/07/2024.

Per ulteriori informazioni e iscriversi cliccare QUI

MRI, l’Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione di Motta di Livenza, l’Università di Padova, l’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna e l’Ospedale Niguarda di Milano con l’Università “Bicocca” del capoluogo lombardo, hanno ideato un nuovo Master universitario


L’Istituto di Montecatone, l’Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione di Motta di Livenza (ORAS spa), l’Università di Padova, l’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna e l’Ospedale Niguarda di Milano con l’Università “Bicocca” del capoluogo lombardo, hanno dato vita ad un nuovo Master universitario dal titolo: “La gestione multidisciplinare della persona con mielolesione”.

Il Master di livello 1 (della durata di 12 mesi), primo nel suo genere nel panorama universitario italiano, e uno dei pochi in Europa, si focalizza sulla prevenzione, diagnosi e trattamento delle mielolesioni e comprende insegnamenti relativi alle competenze cliniche, fisiopatologiche, psicologiche, sociali e professionali necessarie alla gestione multidisciplinare del paziente mieloleso.

Si tratta di un percorso specialistico che permetterà ai partecipanti di sviluppare un approccio globale verso il paziente con mielolesione attraverso competenze cliniche avanzate, abilità comunicative ed esperienza in riabilitazione sia in fase subacuta che in fase cronica.

Ma la vera novità di questo corso di studi è la sinergia che i tre principali istituti riabilitativi di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia hanno introdotto grazie all’appoggio delle rispettive controparti universitarie, che apre la strada non solamente a questo primo importante risultato, ma anche a progetti futuri di prossima realizzazione.

Secondo il Commissario Straordinario di MRI, Mario Tubertini, «rispetto a pochi decenni fa, siamo di fronte ad un importante cambiamento epidemiologico della persona con lesione midollare; unitamente all’aumento della aspettativa di vita dobbiamo quindi affrontare le complicanze correlate. Questo Master, che nasce con la collaborazione fra tre importanti Atenei italiani e tre rilevanti Istituti di riabilitazione, è importante proprio perché Montecatone sarà in grado di dare il proprio contributo sia sulla gestione del paziente “dalla fase acuta alla fase cronica” sia sull’uso delle nuove tecnologie in ambito riabilitativo».

Paolo Pauletto, presidente del CdA di ORAS commenta: «La realizzazione di questo Master di Alta Specializzazione rappresenta il coronamento degli sforzi clinici che le strutture che ne fanno parte sostengono quotidianamente in favore delle persone che soffrono di una mielolesione, e apre la strada alla formazione di specialisti in un settore che ne è carente»

Anche l’Unità Spinale di Niguarda si dice «onorata di far parte di questo Master offrendo l’esperienza di oltre vent’anni di presa in carico di persone con lesione al midollo spinale in fase acuta, con la capacità di offrire soluzioni ai propri pazienti per tutte le esigenze cliniche e riabilitative».

Il Master prevede non solamente un percorso universitario, ma anche tirocini e pratica da svolgere nelle Unità Spinali degli Istituti Riabilitativi coinvolti nel progetto, durante i quali i futuri riabilitatori non lavoreranno solamente a contatto con i medici delle specialità di medicina fisica e riabilitativa, ma anche con il resto dell’equipe multidisciplinare coinvolta nel percorso riabilitativo: infermieri, logopedisti, psicologi, fisioterapisti e terapisti occupazionali.

Il Master ha ricevuto l’ufficialità questa primavera, e il primo corso sarà pronto a partire con l’A.A. 2024/2025.

Il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana e Arcivescovo metropolita di Bologna, cardinale Matteo Maria Zuppi, ha fatto visita al Montecatone Rehabilitation Institute.


Il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana e Arcivescovo metropolita di Bologna, cardinale Matteo Maria Zuppi, ha fatto visita al Montecatone Rehabilitation Institute.

Dopo una rapida presentazione della struttura e delle attività dei singoli servizi da parte del Commissario Straordinario, Mario Tubertini, l’alto prelato – accolto anche dalla Direttrice Sanitaria, Simona Bianchi, dai Direttori delle strutture complesse Laura Simoncini, Pamela Salucci e Monika Zackova, dalla responsabile della ricerca, Laura Calzà, del Day Hospital Davide Villa, dal sindaco di Imola, Marco Panieri e dal vescovo Giovanni Mosciatti, intervenuti brevemente, ha fatto visita alla palestra robotica e all’appartamento Life Bridge, incontrando e scambiando parole con pazienti e familiari.

Zuppi ha detto di aver trovato a Montecatone «molta eccellenza che – ha spiegato – deve essere costantemente affiancata da intelligenza e investimenti economici altrimenti, come in altri aspetti della vita, si rischia di rimanere indietro». L’arcivescovo metropolita di Bologna ha sottolineato come in Istituto la fragilità della persona sia una delle priorità del percorso assistenziale che avviene «senza forme di pietismo, atteggiamento nei confronti del quale, chi è malato, reagisce solitamente con grande irritazione».

Zuppi si è congedato sostenendo che «le nuove tecnologie, sempre se affiancate dalla presenza umana, possono offrire un contributo straordinario al percorso di cura. Voi, qui, – ha detto rivolgendosi ai medici – riaccendete la luce: una luce vera, non fittizia, non ingannevole, ma reale».

Risultato a parte… è stata una bella opportunità: parliamo dell’iniziativa organizzata da AWABOT che ha invitato i pazienti a partecipare a un “incontro digitale ravvicinato”, in questo caso il prematch di sabato tra Italia e Svizzera.


Risultato a parte… è stata una bella opportunità: parliamo dell’iniziativa organizzata da AWABOT, l’azienda leader nella robotica di telepresenza – con cui MRI ha recentemente collaborato in occasione del Gran Premio di Formula 1 – che,  nell’ambito dell’iniziativa voluta da UEFA Foundation for children in partnership con Hisense per promuovere l’inclusività, ha nuovamente invitato i pazienti dell’Istituto a partecipare a un “incontro digitale ravvicinato”, in questo caso il prematch di sabato tra Italia e Svizzera.

Dalle 15, dalla sala formazione del terzo piano, è stato infatti attivato un collegamento con con lo stadio di Berlino in cui si è svolta la partita che ci ha visti purtroppo perdere per due a zero. Accompagnati nei corridoi dai volontari, i pazienti hanno salutato i dirigenti UEFA, tra cui il presidente Aleksander Čeferin e accolto le due nazionali, che hanno sfilato di fronte a loro per un breve saluto. Attraverso il tunnel l’avvicinamento al terreno di gioco e, dopo qualche foto con la mascotte e i volontari, i pazienti hanno assistito da bordo campo al riscaldamento.

E’ scomparso all’età di 67 anni il dottor Gianbattista Spagnoli, figura di primo piano della sanità emiliano-romagnola, direttore sanitario del MRI fino a poche settimane fa.


E’ scomparso prematuramente all’età di 67 anni, il dottor Gianbattista Spagnoli, figura di primo piano della sanità emiliano-romagnola, direttore sanitario a Cesena dal 1998 al 1999, all’Ausl di Bologna dal 2000 al 2002, all’Azienda Ospedaliera di Parma dal 2003 al 2005, quando, a novembre, fu nominato dall’allora direttore generale Mario Tubertini direttore sanitario dell’Ausl di Imola, un incarico che ha ricoperto per ben 9 anni, fino al marzo 2014 quando ha accettato la sfida alla neonata AUSL della Romagna. Poi ancora all’Ausl di Modena tra il 2015 ed il 2017, quindi all’AOSP di Bologna, Policlinico di Sant’Orsola ed infine il ritorno ad Imola nell’aprile 2022, questa volta come direttore sanitario della Montecatone R.I. SpA, di nuovo accanto all’amico di sempre Mario Tubertini.

“Un uomo di grande professionalità e competenza, che sapeva portare avanti fino in fondo le trasformazioni che nella sanità sono necessarie per stare al passo con il cambiamento dei bisogni, e che ha lasciato un segno nella sanità del nostro territorio, ma soprattutto una persona di grande spessore etico ed umano, che resterà indimenticato in chi ha lavorato con lui proprio come nelle organizzazioni che ha diretto” hanno detto il Direttore dell’Ausl di Imola Andrea Rossi e il Commissario Straordinario di Montecatone RI SpA, Mario Tubertini.

E senza alcuna retorica, per le doti professionali, di leadership ed umane, lo ricordano con stima ed affetto tutti i professionisti dell’Ausl di Imola e di Montecatone che lo hanno conosciuto e che con cui ha collaborato, che si uniscono al dolore della famiglia. Parole condivise anche dal Consiglio di Amministrazione dell’Istituto unitosi al cordoglio di quanti, in questi anni, hanno avuto modo di apprezzare le doti professionali e umane di Spagnoli.

Scuola in ospedale, parte integrante del programma di abilitazione e vita indipendente a MRI, è risultata tra le istituzioni scolastiche ritenute meritevoli che hanno partecipato al bando per l’innovazione scolastica emesso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna.


Scuola in ospedale, parte integrante del programma di abilitazione e vita indipendente a MRI, la cui finalità è favorire l’adattamento alla condizione di disabilità (sia da parte del paziente sia del nucleo familiare) e l’acquisizione di consapevolezza dei propri diritti umani nonché la riprogettazione del percorso personale e familiare in modo coerente con gli obiettivi della Vita Indipendente, è risultata tra le istituzioni scolastiche ritenute meritevoli che hanno partecipato al bando per l’innovazione scolastica emesso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna ed ha quindi ricevuto una importante donazione di materiale informatico.

L’iniziativa era rivolta a «contribuire a innovare tempi, processi, metodi e spazi della didattica per un miglioramento della qualità dell’offerta formativa, favorendo processi di crescita e apprendimento nella scuola dell’infanzia, primaria e secondaria».

Soddisfazione è stata espressa da Daniela Loreti, coordinatrice della Scuola in Ospedale, che da sempre affianca all’insegnamento delle materie principali per qualsiasi scuola superiore, anche l’insegnamento dell’italiano a pazienti di madrelingua straniera, secondo la quale «questo materiale ci consentirà, alla riapertura dell’anno scolastico, di aumentare le possibilità di personalizzare l’insegnamento e il collegamento con le scuole di provenienza, in modo da alimentare l’interesse e la partecipazione dei nostri studenti».

Ultimo giorno di lavoro oggi a Montecatone per il dottor Giorgio Sanguinetti, stimato professionista che lascia dopo 23 anni il centro di riabilitazione.


Emozioni intense e genuine per il saluto del dottor Giorgio Sanguinetti, dirigente, Specialista in Fisioterapia e Neurofisiologia Clinica, in quiescenza dopo 23 anni in servizio nel nostro Istituto. Questa mattina il medico ha salutato tutti durante un momento conviviale che aveva fatto precedere da un messaggio di cui riportiamo un breve estratto.

“È arrivato anche per me il momento di salutarvi e, sinceramente, me ne dispiaccio molto. Finisce un periodo bellissimo della mia vita, non solo lavorativa, perché in questo magico posto non ci sono solo dei “colleghi”, siano essi medici, infermieri, terapisti, OSS, tecnici neurofisiologi o radiologi o informatici, amministrativi, insegnanti, ecc. e scusate se dimentico tante altre importanti categorie ma dei “compagni di scuola” con i quali si è cresciuti e con i quali ci si è formati per tanti lunghi anni, con i quali si sono condivise difficoltà e delusioni ma anche tante faticose soddisfazioni”.

Università Aperta Cooperativa Sociale di Imola ha organizzato quest’anno un corso di scacchi con l’Istituto di Montecatone rivolto oltre che ai corsisti, a pazienti ed ex pazienti.


Università Aperta Cooperativa Sociale di Imola ha organizzato quest’anno un corso di scacchi con l’Istituto di Montecatone rivolto oltre che ai corsisti, a pazienti ed ex pazienti. L’iniziativa – curata in MRI da Roberto Messuti, educatore professionale – ha coinvolto un pubblico a cui la cooperativa ha offerto la gratuità e la volontà di far trascorrere ore di impegno ma anche di giocosità «affinché – spiegano – le barriere siano davvero solo un dettaglio e non un ostacolo».

A corredo di alcune lezioni, sono state trasmesse slides esplicative la cui rilettura «renderà ancora più chiaro quanto appreso durante il corso usufruendo anche delle lezioni registrate messe a disposizione dopo ogni singola lezione. L’uditore è stato coinvolto nella soluzione di esercizi tematici sia di tatticismi che di strategie offrendo spunti concreti, interessanti sia a livello teorico, nonché utili a livello pratico.

«L’indice di gradimento esposto dai partecipanti alla fine del corso – spiegano ancora da Università Aperta – è stato alto, sia in relazione agli argomenti trattati, sia per l’efficacia della comunicazione e la competenza di Tommaso Fuochi che, con l’aiuto della tecnologia, ha riunito attorno ad un’unica scacchiera gli 8 pazienti che hanno potuto interagire dalla propria postazione sentendosi un unico gruppo condividendo le lezioni con gli altri corsisti».

Un successo il corso di pilotaggio per pazienti ed ex-pazienti | Già conseguite le prime patenti per pilotaggio anche in ambito urbano | Contributo della Fondazione Montecatone Onlus grazie al progetto “Formazione lavoro alle professioni del futuro”


Pilotare un drone per pura passione o per intraprendere un nuovo percorso professionale: queste le due principali opportunità offerte dal corso svoltosi al Montecatone Rehabilitation Institute realizzato grazie al coinvolgimento di Seneca, Ente di Formazione Professionale contraddistinto dall’impegno in progetti di innovazione sociale e alla collaborazione di HITO, una realtà nata dalla fusione delle professionalità acquisite in ambito aeronautico e delle neuroscienze.

«La proposta di realizzarlo – sottolinea Roberta Vannini, coordinatrice della Terapia Occupazionale del MRI –era giunta da alcuni ex pazienti già qualche anno fa: l’attività, di per sé accattivante da un punto di vista ricreativo ma anche potenzialmente utile a fini lavorativi, non presenta controindicazioni per le persone in carrozzina, purché minimamente in confidenza con l’utilizzo di un pc. Il Covid, come per tante altre cose, ci aveva fermati; pertanto, quando è arrivata Seneca a proporci di realizzare un modulo formativo di questo tipo, ci ha trovati molto interessati. E la risposta è arrivata subito anche dai pazienti: una quindicina gli iscritti, di cui dieci hanno direttamente acquisito la patente di primo livello, che consente di pilotare droni anche in ambito urbano».

Enrico Lo Certo, paziente che ha seguito il corso acquisendo la patente spiega di essersi «iscritto per curiosità e al momento penso ad un uso ludico – ma il corso offre anche tutte le basi per chi vuole dedicarsi ai droni anche a titolo professionale; esperienza che ho trovato affascinante – dice – soprattutto per la parte pratica, e che consiglio di riproporre in futuro».

Secondo Renzo Colucci, Direttore Generale di Seneca «negli ultimi anni la nostra scelta è stata quella di ricercare collaborazioni con gli altri soggetti del territorio più avanzati, per offrire opportunità di formazione che tengano conto dell’evoluzione sociale. Sono felice di aver avuto l’intuizione insieme ai professionisti di HITO di proporre questo corso all’Istituto di Montecatone, dove ho trovato negli intendimenti e nei programmi e lungo termine della Direzione generale, un fortissimo orientamento alla sperimentazione di soluzioni innovative. Questa prima edizione ci ha permesso di validare l’idea di un corso ad hoc rivolto a chi si trova ricoverato; non vediamo l’ora di metterci nuovamente a tavolino insieme agli amici di Montecatone per rifinire i dettagli che ci permetteranno di proporre un nuovo modulo ancora più ritagliato sulle esigenze dei destinatari, tenendo in considerazione le difficoltà specifiche di chi ha limitazioni agli arti superiori e le tempistiche tipiche di una mattinata ospedaliera».

Giuseppina Iorio, neurochirurgo e responsabile scientifico di HITO, ha aggiunto che «grazie all’intesa con Seneca, abbiamo avuto il piacere di incontrare i degenti e creare con loro un’atmosfera che ci ha coinvolti tutti, non solo come classe, ma come gruppo operante per un unico scopo. Ci siamo scambiati emozioni e siamo riusciti a rendere tutti coesi e motivati a conseguire l’obiettivo. Lo scopo del nostro lavoro è stato quello di creare un ambiente stimolante e coinvolgente oltre che far conseguire solo una licenza professionale».

Anche per la Fondazione Montecatone Onlus, che si è fatta carico degli oneri di questo primo modulo formativo grazie al progetto Formazione lavoro alle professioni del futuro finanziato dalla Fondazione Cattolica Assicurazioni, il corso droni è stato un successo. «Per noi – sottolinea il Presidente Marco Gasparri – la sfida quotidiana è offrire alle persone ricoverate occasioni in cui sperimentare quanta vita c’è, anche dopo una disabilità importante. Il corso di pilotaggio dei droni è l’ultimo anello di una catena di laboratori e uscite, che organizziamo insieme agli operatori di Montecatone ed ai volontari, con lo scopo di far riscoprire il senso della possibilità; certamente guardare il mondo dall’alto con un drone è un modo eccellente per allenarsi a guardare la vita con occhi nuovi».

L’Istituto ha potuto usufruire di un paio di postazioni di telepresenza AWABOT che hanno messo in contatto mondi distanti tra loro ma legati, in fondo, dal filo rosso ferrarista e della passione per i motori.


🏎️ I nostri pazienti “nel paddock” al fianco di piloti e celebrità che nei weekend animano abitualmente il circus della Formula 1: è accaduto all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola nel lungo fine settimana romagnolo della velocità, grazie all’iniziativa di Formula 1 Administration in occasione del GP del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna.

🏎️ L’Istituto, infatti, ha potuto usufruire di un paio di postazioni di telepresenza che hanno messo in contatto mondi distanti tra loro ma legati, in fondo, dal filo rosso ferrarista e della passione per i motori. Un’interazione digitale resa possibile, in autodromo e MRI, da “robottini” teleguidati di AWABOT – società che fornisce il servizio alla F1 – che ha prestato assistenza in entrambe le location mettendo gli appassionati a proprio agio anche rispondendo a quesiti tecnici nonostante il cerimoniale imponesse tempi molto stretti.

🏎️ Ma procediamo con ordine: giovedì spazio agli incontri con i piloti delle scuderie Visa Cash App RB (Yuki Tsunoda e Daniel Ricciardo) e Aston Martin Aramco Formula One Team (Fernando Alonso e Lance Stroll), che hanno interagito con i pazienti rispondendo a domande e informandosi su di loro. Molto toccante il ringraziamento che da MRI è stato rivolto al giapponese che un anno fa ha partecipato alle attività di ripristino a Faenza, colpita pesantemente dall’inondazione. Lo stesso Tsunoda ha a sua volta ringraziato le migliaia di persone che hanno contribuito alla ripresa. Alonso, in un perfetto italiano, oltre a rispondere alle domande, si è anche fermato a parlare di calcio.

🏎️ Domenica, invece, telepresenza e approfondimento con l’ex ferrarista Jean Alesi, intrattenutosi a lungo. Tante, davvero tante le personalità con cui i pazienti dell’Istituto hanno potuto interagire: Domenico Berardi calciatore del Sassuolo e della Nazionale,  Matteo Bobbi, Ivan Capelli e Vicky Piria del Team SkyF1, Stefano Domenicali patron della F1, Andrea Ferrari, preparatore e fisio di Charles Leclerc del Scuderia Ferrari HP Irina Sabalenka n. 2 al mondo della classifica WTA, ospite del team Haas F1, finalista a Roma, Davide Valsecchi ex pilota e ora commentatore TV e Federica Masolin volto SkySportF1. Saluti e incitamento da Lewis Hamilton Max Verstappen e Charles Leclerc durante la cerimonia pre-partenza. L’iniziativa è stata molto apprezzata sia dai pazienti sia dai familiari, un’esperienza senz’altro da riproporre!

X

    Per scaricare la guida ti chiediamo di compilare il form seguente.

    I campi contraddistinti con * sono obbligatori.

    Chi sei

    Consensi